SALSA CYCLES:
Avventure in bicicletta

Torna a Blog

SALSA CYCLES:
Avventure in bicicletta

At Salsa, we believe a sense of adventure makes life better. The bicycle can be so much more than just a bike; it’s a path to new places. In casa Salsa siamo convinti che il senso di avventura renda migliore la vita. La bici può essere molto più di una bici; è un cammino per nuovi luoghi. California, 1981. Il visionario Ross Shafer decise di dar vita a uno tra i primi e più innovativi brand di biciclette ancora esistenti e noti. Nelle sue prime fasi di vita, il piccolo laboratorio chiamato Salsa Cycles avrebbe voluto creare soltanto telai e stem personalizzati, quelli che in italiano chiamiamo attacchi manubrio. Il futuro gli riservò ben altro: oggi pensare a Salsa vuol dire spaziare da una varietà innumerevole di modelli di bici di vario genere, borse da bikepacking, componenti innovativi e prodotti molto interessanti nell’universo bike. Ma facciamo un passo indietro. Ross Shafer entrò con prepotenza creativa nel mondo delle biciclette: nutriva una smodata ammirazione per chi sapeva costruire telai/scultura armonici e dalle linee gradevoli e aveva la propensione al realizzare attacchi manubrio personalizzati. Così, dopo averne prodotti per conoscenti e amici di amici, decise di dar vita alla sua società, specializzata in - appunto - stem e telai MTB. L’avrebbe potuta chiamare Shafer, ma non lo convinceva; Ross Bikes, ma questa già esisteva… così trovò ispirazione in ciò che amava più di tutto nelle sue pause in laboratorio: un’abbondante porzione di salsa piccante in cui adorava intingere patatine e formaggio. Quei suoi primi telai MTB - dalle geometrie che ora ci fanno sorridere ma che all’epoca risultavano sicuramente più comodi e innovativi della media dei prodotti sul mercato - vennero definiti “hot”, così il gioco di parole potè prendere piede e intorno alla salsa piccante iniziò a crearsi tutto l’universo del brand di Salsa. Oggi il peperoncino è parte integrante del logo del brand, e fa il balletto con la simbologia legata al viaggio d’avventura come i cactus, i serpenti, altri peperoncini, il sole e i pini stilizzati che decorano le bici Salsa. Dagli albori ad oggi, questo brand è stato capace di innovare e convincere una fetta sempre crescente del mercato variegato dei ciclisti-cicloviaggiatori, con esigenze anche diametralmente opposte, a volte. Basti pensare che dei 72 partecipanti all’ultimo Tour Divide, una delle più toste gare americane di gravel-endurance di 4400 km in modalità self-supported, 30 cavalcavano un modello Salsa, dalle scattanti Cutthroat addirittura alle snelle Journeyman vestite di qualche borsa bikepacking e poco altro, per permettere ai corridori di sfrecciare tra boschi, single-track, passi montani e drittoni infiniti attraverso la varietà di terreni tra il Canada e il Messico.   Ma quante e quali sono queste bici hot? Quali sono gli elementi che hanno fatto cambiare la concezione di viaggio d’avventura? Come sono riuscite a spostare gli equilibri nell’idea di offroad? Possiamo pensare di suddividere i prodotti Salsa in tre macrocategorie, con peculiarità e suddivisioni ulteriori: mountain bike, all-road bike, fat bike. Lasciando momentaneamente da parte le categorie MTB e fat-bike, di cui fanno rispettivamente parte i modelli Spearfish, Horsethief, Woodsmoke, Timberjack e Deadwood da un lato e Blackborow, Mukluk e Beargrease dall’altro, concentriamoci sulla macrocategoria delle all-road bikes di Salsa. Comfort, performance, velocità. Tre parole chiave fondamentali quando si presentano le bici all-road di Salsa, mezzi eccellenti specializzati in discipline differenti, come la stradista Vaya, l’adventure bike Fargo, la potente Cutthroat, la veloce Warroad, l’entry-level Journeyman nelle due versioni 700c o 650c, la touring bike Marrakesh, la gravellosa Warbird. Vaya viene chiamata l’any-road (qualsiasi strada) di Salsa, l’adventure bike per il touring leggero e il bikepacking. Dall’ampio passaggio ruote e la generosa capacità di carico, questo è il mezzo perfetto per un offroad affidabile grazie al suo acciaio. Parlando di Salsa è inevitabile pensare a lei, la regina del bikepacking e dell’avventura, l’adventure bike Fargo, versatile mezzo in acciaio o titanio dal gravelloso drop-bar e dalle caratteristiche di una MTB. Un connubio di acciaio e forcella Firestarter in carbonio, realizzata per lunghe avventure offroad, capace di ospitare ruote grasse e rapportature generose, si vende molto bene grazie allo slogan Fargo - Go Far (vai lontano!). Da mamma Fargo è stata concepita la regina di tutte le gravel dal 2015, la più performante Cutthroat - letteralmente tagliagole ma anche il nome di una specifica tipologia di trota che popola i fiumi che corrono lungo il Tour Divide - la bicicletta per superfici miste e l’ultra-endurance creata specificamente per il Divide statunitense per coprire lunghe distanze e offrire velocità ma al tempo stesso comfort. Poi abbiamo l’immancabile gravel di casa Salsa, la potente Warbird, ispirata da anni di pedalate gravel e gare e realizzata per dare stabilità, confidenza e reattività sui terreni più tosti. Il nome altisonante non fa riferimento a un tipo di uccello bensì a una serie di aerei da guerra capaci di solcare i cieli a gran velocità. Veniamo poi all’esotica Marrakesh, la touring bike per eccellenza che col suo nome vuole condurci lontano, con la sicurezza dell’acciaio e la stabilità anche con grandi carichi, per indimenticabili e divertenti avventure. A seguire la poderosa Timberjack, l’aggressiva hardtail di Salsa, per disegnare linee pulite nei boschi e sul fuoristrada, disponibile nelle due versioni da 29 che 27.5+, versatile e manovrabile. Infine abbiamo l’entry-level del gravel, la giovane Salsa Journeyman, disponibile nelle due versioni da 700c o da 650c, la macchina da avventure leggere su terreni gravel e su strada, customizzabile con manubrio flat o drop secondo le esigenze. Una breve parentesi per introdurre i game-changer di casa Salsa, cioè le innovazioni tecnologiche che hanno spostato gli equilibri del gioco del fuoristrada e hanno reso questa azienda la numero uno dell biciclette offroad e all-road. Primo fra tutti è il mitico Alternator Dropout, il sistema che permette di modificare la tensione della catena per un uso single speed (per necessità o diletto) oppure permettere di utilizzare diverse ruote sul mezzo. Secondariamente la componentistica, dai manubri Woodchipper, Cowbell, Cowchipper, ai famigerati Salsa stem o ancora i canotti sella, Salsa è da sempre specializzata nella realizzazione dei componenti delle proprie bici per garantire una continuità di pensiero e azione nei propri prodotti. Ultimo ma non ultimo posto occupato dall’attrezzatura da viaggio, partendo dagli intramontabili Anything Cage HD per caricare la forcella, insieme alle resistenti Salsa Straps, o ancora il sistema Salsa Cradle per agganciare una borsa al manubrio, o le borse bikepacking Salsa su misura specifiche per ogni modello di bici, comode e resistenti - oltre che esteticamente sfiziose - per caricare al meglio il tuo mezzo bikepacking. Vendere una bicicletta Salsa, per noi di State of Bike, vuol dire trasmettere quei valori tanto cari a Ross Shafer e successivamente al team di Bloomington, Minnesota. Osare, sfidare i propri limiti ma sempre col giusto mezzo, per potersi divertire sempre. Vieni a trovarci in negozio per scoprire i nuovi modelli Salsa Cycles e per scegliere il prossimo destriero d’acciaio che ti farà vivere un’avventura indimenticabile. Le bici Salsa possono essere vendute di serie oppure totalmente personalizzate, per sfruttare al massimo i telai performanti e i componenti adatti alle tue esigenze. Visita questa pagina per visionare le nostre bici custom, sfruttando come base di partenza un telaio Salsa. Vivi l’avventura, vai lontano, scegli Salsa Cycles.  

Condividi questo post

Torna a Blog