RUOTE GRAVEL: quella giusta per il tuo viaggio

Torna a Blog

RUOTE GRAVEL: quella giusta per il tuo viaggio

Le ruote – e in questo articolo tratteremo in particolar modo la categoria delle ruote gravel – sono dei componenti fondamentali per delineare la predisposizione – al viaggio, alla performance, alle avventure estreme – della nostra bicicletta.

Per scegliere la ruota più adatta a noi esistono diversi fattori da valutare e considerare. Se, per esempio, abbiamo intenzione di viaggiare in luoghi remoti dove incontreremo terreni croccanti e poche, anzi pochissime, possibilità di effettuare eventuali riparazioni, dovremo puntare su un prodotto robusto e resistente – anche se più pesante – che ci supporti nella nostra esplorazione senza crearci alcun tipo di problema.

Ruote Carbon Berd con raggi in polimero

Elementi delle ruote gravel

Le caratteristiche delle ruote gravel sono definite dalle peculiarità delle parti che le compongono, ma quali sono questi elementi?

Cerchio

Il cerchio – o cerchione – è la parte esterna di una ruota sul quale vengono montati gli pneumatici. Il cerchio si collega al mozzo attraverso i raggi e i nipple. Del cerchio è importante conoscere quattro tratti distintivi:

  • il profilo – dove uno più alto sarà orientato alla performance influenzando l’agilità e l’aerodinamicità del mezzo; un profilo più basso invece garantirà una maggiore maneggevolezza della bici anche nei cambi di direzione;
  • la larghezza interna – negli ultimi anni la tendenza è quella di averla sempre più ampia – determina la stabilità della ruota e il range ottimale di copertoni da montare, ma oltre a questo anche una migliore fluidità sui terreni sconnessi e un maggiore grip;
  • la forma – le misure della sezione di un cerchio si rapportano in modo differente in base alla disciplina per cui è stata ideata la ruota
  • il diametro – 26″, 27.5″, 28/29″ Esistono 3 differenti sistemi di misurazione per definire il diametro del cerchio: lo standard inglese, quello francese e l’ETRTO.
    26″ inglese corrisponderà a un 650A francese e a un 559 mm ETRTO.
    27.5″ anglosassone sarà un 650B francese e un 584 mm ETRTO.
    28″/29″  inglese sarà un 700C e un 622 mm ETRTO.
  • il peso – in ottica di performance è di certo una caratteristica di cui tenere conto, ma per viaggiare in bici non è eccessivamente rilevante
Canale cerchio

Materiale

Non tutti i materiali sono uguali e anche questa scelta dovrà essere ponderata in base all’utilizzo finale.
Alluminio e fibra di carbonio sono le due principali opzioni presenti sul mercato. Il primo è resistente, abbastanza leggero e piuttosto duraturo, il secondo è ancora più leggero e sopporta bene l’utilizzo continuo, magari durante una lunga competizione.

Fori e raggi

Il numero di fori – e di conseguenza dei raggi – che si trova su un cerchio può variare. Le ruote standard ospitano di norma 28 o 32 raggi, ma potrebbero averne anche 24 per le gravel più esigenti, da performance o addirittura 36 per bici orientate a viaggi davvero tosti.

Nipple

I nipple sono i raccordi tra il cerchio e i raggi e permettono di tensionare proprio quest’ultimi. I nipple sono uno degli elementi fondamentali di una ruota gravel. Possono essere utilizzati in ottone o in alluminio, materiale che si può anodizzare e permette quindi di avere il prodotto colorato.

Mozzi

Il mozzo è l’anima di una ruota, il componente di connessione della ruota con la forcella e il telaio. Le bici di derivazione MTB  sono dotate di mozzi boost  – siè passati dalla battuta  classica di 142 mm, vecchio standard per le mountain bike ma attualissimo per le bici gravel, ad una di 148 mm per il posteriore e da 100 mm a 110 mm all’anteriore – che permettono di montare copertoni più larghi oltre che di avere maggior controllo alla guida. I mozzi possono essere fissati in tre diverse modalità: a bullone (ormai obsoleto anche se presente ancora su certe bici pieghevoli), sgancio rapido e perno passante. Su mozzi diversi si installano i raggi che possono essere tradizionali (chiamati anche a J) o a testa dritta (SP – straight pull) che hanno caratteristiche differenti. I J sono più pesanti, possono essere incrociati a nostro piacimento, sono più difficoltosi da sostituire ma più resistenti. Gli SP, a parità di tensione, danno vita a una ruota più reattiva, sono più leggeri e, appunto, performanti.

Oltre a questi elementi non bisogna dimenticare la raggiatura. Nel mondo delle bici esistono quattro diverse modalità: radiale, seconda, terza e quarta. La terza è la più diffusa e permette di creare ruote resistenti e reattive. La seconda si utilizza su cerchi con un numero inferiore di raggi rispetto alla norma per garantire una migliore prestazione (solitamente su gravel performance con 24 raggi!).

Mozzo

Quali ruote gravel scegliere

Vuoi viaggiare nei weekend, affrontare trail, partire senza data di ritorno…? Non c’è problema! Per ogni utilizzo puoi scegliere la ruota più consona, sia di serie o più spesso, come vedremo, customizzata.

Ruote Carbon con profilo da 34mm

Performance e velocità

Gravel veloce e scattante per un divertimento assicurato sui percorsi dei Trail – Tuscany, Carso, Marche? – dove non basta partecipare, dove si vuole andare forte. Leggerezza per avere una marcia in più. Come potrà essere la nostra ruota ideale?

Viaggi leggeri e performanti anche con tanto asfalto

  • Cerchi in fibra di carbonio o alluminio con profilo piuttosto alto – tra i 25 e i 35 mm – per essere più reattiva grazie alla maggiore rigidità
  • 24 o 28 raggi
  • larghezza interna del cerchio tra i 21 e i 25 mm per alloggiare anche pneumatici mediamente generosi anche se non estremi
  • nipple in alluminio
  • Raggiatura Seconda o Terza
Ruota Gravel veloce – Ritchey WCS

Bikepacking e avventure sotto le stelle

Stiva il tuo equipaggiamento nelle borse bikepacking, carica la tua gravel da viaggio e parti per una nuova esplorazione: weekend con notte intorno a un fuoco che scalda il cuore, un Tuscany trail godereccio con cene tipiche toscane accompagnate da un buon calice di vino o un’avventura negli angoli più remoti d’Europa. Come sarà la nostra ruota ottimale?

Viaggi con carichi leggeri e tanto fuoristrada

  • Cerchi in alluminio con profilo basso – intorno ai 25 mm – per non essere eccessivamente pesanti, ma avere comunque controllo e maneggevolezza.
  • 28 – 32 raggi
  • larghezza interna del cerchio solitamente oltre i 25 mm per ospitare pneumatici anche abbondanti per superare- senza fretta – anche i terreni più ostici
  • nipple in alluminio se si vogliono colorati
  • Raggiatura Terza

Fino alla fine del mondo in bici

L’orizzonte è la tua meta e la tenda la tua casa? Non hai un vero e proprio limite di tempo, ma tanta voglia di andare? Non ti interessa andare veloce, ma piuttosto superare tutte le difficoltà dei terreni senza problemi, anche trasportando un carico di tutto rispetto? Come dovrà essere la ruota per questa grande avventura?

Viaggi con carichi pesanti e tanto fuoristrada

  • Cerchi in alluminio da 29″ con profilo basso – sotto i 25 mm – per un ottimo controllo anche a pieno carico.
  • 32 – 36 raggi per viaggi importanti dove si necessita di ruote davvero robuste
  • Larghezza interna del cerchio – solitamente tra i 25 e i 30 mm – da determinare in base alla gamma di pneumatici che utilizzeremo con la nostra bici
  • Nipple in alluminio o ottone -che non si corrodono con il lattice delle coperture tubeless
  • Raggiatura Terza

Viaggi con carichi pesanti prevalentemente su asfalto

  • Cerchi in alluminio con profilo basso – sotto i 25 mm – per avere meno rigidità ma ottimo controllo.
  • 32 – 36 raggi per avere garanzia di robustezza
  • Larghezza interna del cerchio – solitamente tra i 19 e i 24 mm – perché anche la tendenza delle touring bike è ormai quella di poter montare coperture più larghe
  • Nipple in alluminio o ottone – che non si corrodono con il lattice delle coperture tubeless
  • Raggiatura Terza
Ruota da cicloturismo – carichi pesanti

Conclusioni

Come per ogni componente della nostra bici anche le ruote possono essere acquistate di serie o costruite ad hoc, pezzo dopo pezzo, per risultare le più adatte al nostro mezzo e alla nostra tipologia di avventura. La decisione dipende da te!
Negli ultimi anni abbiamo visto centinaia di ruote gravel  diverse e siamo a tua completa disposizione per guidarti nella scelta del componente giusto per il tuo viaggio!

Alcune ruote gravel che ti consigliamo sono: le Ritchey WCS Zeta Disc, le Berd GVX25 e le Damil All Road 40.

Torna a Blog